SeduciUnaRagazza | Capire quali ragazze vogliono essere approcciate.
33
post-template-default,single,single-post,postid-33,single-format-standard,op-plugin,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-3.9,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Blog

Capire quali ragazze vogliono essere approcciate.

  |   LEGGI I MIEI ARTICOLI SULLA SEDUZIONE   |   No comment

La domanda che mi rivolgono più spesso i ragazzi che frequentano il nostro corso di seduzione è:

 

 “Come si fa a capire se una donna in un locale vuole conoscere qualcuno?”


“Come capire quali ragazze vogliono essere approcciate, ancora prima che io apra bocca?”

“Come capire se una donna ci sta?”

 

È il Santo Graal di tutti i ragazzi. Perché si ha la sicurezza che l’approccio andrà a buon fine.

Facciamo un passo indietro.

 Sun – Tzu diceva che la LEGGE per vincere contro un nemico era conoscerlo.

Si può trasporre questo principio anche con le donne. Bisogna conoscere le donne, e va da se che per farlo bisogna porsi le giuste domande.

 

Perché le donne escono e vanno in un locale? Per divertirsi con la solita amica che vedono e sentono tutti i giorni?

Perché si mettono il tacco 15 che è scomodo? Per le amiche? O perché piace a loro?

 E perché piace a loro?

Adesso pensate a perché voi optate per comprare una determinata camicia, un accessorio costoso oppure un determinato taglio di cappotto che vi piace tanto.

 Oppure perché vi vestite, e vi piace vestirvi, per uscire.

 

 

La risposta è che la maggior parte delle persone compra oggetti anche per apparire.

 

 

Certo, è ovvio che questi oggetti soddisfino il loro piacere, ma lo fanno soprattutto perché sanno di piacere se indossano un determinato vestito/orologio/ rossetto.

Inoltre, la maggior parte delle persone si diverte proporzionalmente a quante persone interessanti conosceono durante la serata. Fateci caso. Le serate più memorabili sono state quelle in cui avete conosciuto gente nuova. Soprattutto, quando avete rimorchiato qualche ragazza nuova.

Questi discorsi sono veri ancor più per le donne, le quali hanno, inizialmente, un ruolo passivo nell’approccio e quindi hanno bisogno di qualche escamotage per essere notate.

Quello che mi ha lasciato sempre molto stupito, quando uscivo con qualche donna, è che loro sanno benissimo a cosa servono i locali.

 

I locali servono per conoscere gente.

 

Noi uomini, invece, ce ne siamo scordati.

 

Quindi, dalla mia esperienza, le donne aspettano.
Non è il loro ruolo approcciare, ma deve farlo il maschio.

E mandano dei segnali, sperando che questi vengano captati dai radar degli uomini.

 

Un’altra cosa che mi è capitata di sentire, era che loro erano sicure di aver mandato segnali inequivocabili all’uomo, ma l’uomo non aveva colto.
I segnali “inequivocabili” erano, però, molto deboli. Questo perché le donne hanno una sensibilità molto maggiore della nostra, e pensano che anche l’uomo ce l’abbia.

 

La donna, quindi, manda questi benedetti segnali che, all’uomo che è capace di coglierli, fanno capire che ha voglia di essere attaccata al muro e scopata tutta notte. Sperando che la notte sia abbastanza lunga da sopire gli appetiti di questi esseri angelici.

 

Segnali forti che l’uomo ha il DOVERE di cogliere. 

Quindi ora la vostra missione, quando entrate in un locale, è quella di OSSERVARE. Osservate le persone e come si comportano. Come si muovono. Il loro linguaggio del corpo. Come si sono vestite. E i dettagli del loro stile.

Io, per esempio, so che un grande indicatore che una ragazza vuole essere approcciata sono i tacchi rossi. Oppure, comunque, vistosi.

 

Rimorchiare una donna

 

Il discorso, come tutta la seduzione, è molto lineare e semplice. Basta mettersi nei loro panni:

 

Perché io mi vestirei così? Per essere guardata. 

E perché voglio essere guardata? Perché cerco qualcuno di interessante.

 

 

Le donne stanno molto tempo davanti ad uno specchio, per vestirsi in maniera adeguata per la serata. Non pensate nemmeno per un secondo che si siano vestite in maniera casuale.

Facciamo un altro esempio. Una domenica sera. Due ragazze al tavolo. Dopo mezz’ora (se non di meno) hanno finito le cose da dirsi.

E iniziano a guardarsi intorno. Guardano chi entra, chi esce.

 

Sono interessate a conoscere qualche uomo.

 

Questo è uno dei segnali “inequivocabili” che le donne mandano. Possibile che non ci sia nessuno in grado di cogliere questi segnali?

 

Tu perché ti guarderesti in giro in un locale? Per guardare la tappezzeria, o per guardare i culetti che passano?

 

Mi ricordo, una sera, mentre stavo facendo un corso di seduzione ad un corsista, ho visto due ragazze che stavano fumando una sigaretta.
C’era una che aveva talmente voglia di essere approcciata che si guardava continuamente intorno, senza nemmeno ascoltare cosa stesse dicendo la sua amica. ( ! )

Il corsista è andato ad approcciarle e dopo quindici minuti ne ha chiusa una, e l’altra gli ha chiesto il numero.

Cosa ha fatto lui? Si è andato a presentare.

 

Quindi, due ragazze che si guardano in giro è la prima cosa che dovete cercare. Di solito guardano chi entra e chi esce dal locale. Stanno attente a ogni movimento.

 

Può capitare che sei in fila al bancone a fare la coda. Hai una tipa davanti a te. Lei si volta di profilo e guarda a destra o a sinistra, in modo che tu possa vedere il profilo del volto, magari ti lancia anche un’occhiatina.

Empiricamente, ho notato che questo è un altro segnale di apertura nei nostri confronti.

 

Lo sta facendo per attirare la nostra attenzione.

 

Un altro esempio, da tenere in mente, è guardare le donne sedute. Solitamente, quelle recettive, si siedono in modo da avere il muro del locale alle spalle, e tutto il locale (quindi, gli avventori compresi) davanti a loro, in maniera che possano osservare la selvaggina che passa.

Magari sono vestite con un micro vestitino, e si mettono sedute con lo stacco coscia – polpaccio di mezzo chilometro.

 

Siete ancora fermi a guardarle? Correte a sedervi al loro tavolo 😉

 

Alcune sere mi capita che, entrando in un locale, ordino al bancone e mi metto spalle ad esso, osservando il locale e aspettando che il barista mi prepari il cocktail.

Ogni tanto capita che una ragazza, si metta di fianco a me e inizi a fare battutine e provocazioni al barista. Questa è un’altra tattica adottata per essere approcciata e per forzare l’approccio. A lei, del barista, non frega nulla.

 

A lei interessate voi.

 

Quindi, quando vedete una scena del genere, andate e approcciate al volo.
Anche perché altrimenti, molto probabilmente, lo farà lei.

Con questo post, volevo farvi concentrare sul porre attenzione al contesto in cui ci muoviamo.

 

Iniziate a guardare diversamente le persone. Iniziate a mettervi nei loro panni. Iniziate a chiedervi perché si vestono così, oppure si comportano in quel determinato modo, oppure hanno quel linguaggio del corpo.

 

Andate ed approcciate. Amen 😉

 

 

 

 

Conoscici dal vivo!
Entra a far parte del nostro gruppo Facebook con più di 500 membri.

 

No Comments

Post A Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi