SeduciUnaRagazza | Le tre personalità anti-seduttive per eccellenza
58
post-template-default,single,single-post,postid-58,single-format-standard,op-plugin,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-3.10,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Blog

Le tre personalità anti-seduttive per eccellenza

  |   LEGGI I MIEI ARTICOLI SULLA SEDUZIONE   |   No comment

Ultimamente mi è capitato di leggere  sul nostro gruppo vari commenti e pareri che mi hanno fatto riflettere.

Ovviamente erano risposte inerenti a situazioni particolari: come fare con la determinata ragazza? Cosa fare quando arriva il giorno dell’uscita? Come la intrattengo? ecc. ecc.

 

Tutto nella norma, se non per il fatto che noto una ricorrente retorica perbenista. A volte, ho come l’impressione di trovarmi in un gruppo di preti che ha lasciato il voto e la chiesa, dandosi al sesso senza neanche aver capito il suo significato! E’ facile intuire che questi soggetti siano pieni di dubbi, pieni di domande fuorvianti e di poco significato. E’ la stessa sensazione che proverebbe un bambino di 5 anni catapultato nel mondo dell’adolescenza.

 

Mi sono accorto che mancano proprio le basi, non hanno capito minimamente l’A-B-C della seduzione. Penso che sia ora di fare un piccolo ripassino…

 

Chi è nel mondo della seduzione da qualche tempo avrà sicuramente già capito il suo reale significato, ma a mio avviso è molto più intuitivo capire cosa “non” vuol dire essere seduttivi, capire quali sono i nemici.

 

Con ironia vi presento tre diverse personalità ANTISESSO:

 

Ricchione -> E’ la tipologia di uomo più frequente, incapace di prendere decisioni vere. Spesso è colui che aspetta il cenno della donna, non ha una sua linea e questo è il motivo per cui si trova sempre in balia delle emozioni femminili. Non è in grado di vivere i sentimenti serenamente. Per lui tutto ha un significato, tutto ha un’etichetta. E’ così impaurito ad agire che, ad ogni piccolo passo, il suo cervello si inonda di domande e, ad ogni piccolo segnale negativo della donna, lui è pronto a retrocedere. Mancanza, quasi totale, di virilità e spina dorsale. E’ un piccolo mammifero nell’era dei dinosauri.

 

Il fobico-> Il fobico deve sargiare per forza altrimenti muore. Se non apre almeno 5 set a sera, non si sente vivo. Ha un bisogno costante di approcciare, deve essere sempre al centro dell’attenzione, ha bisogno di continue conferme da parte dell’altro sesso. Il campo da gioco preferito del fobico, a parte il classico pubclub, è la disco. Ha una lunga lista, scritta minuziosamente, su quello che deve fare e sul quello che deve dire. Anche il suo look non è a caso, ogni occasione è buona per indossare qualcosa di fluorescente, è un gatto che resta sulla pista da ballo pronto ad agguantare ogni debolezza, ops… kiss close! (bacio), di ogni donzella, per poi trascrivere il tutto sul suo taccuino del miglioramento.

 

Il finto perbenista-> E’ colui che predica bene ma razzola male, anzi malissimo! Ha una mentalità che io chiamo “congelata”, si sforza di dare spazio a tutti i nuovi concetti che ha acquisito sulla seduzione e sulla sfera femminile, con scarsi risultati. Il suo cervello puntualmente lo riporta alle sue vere origini. E’ un uomo indeciso, non sa dove sia il vero o il falso, non ha ancora capito se è meglio un mazzo di fiori o una palpata sul sedere. E’ alla continua ricerca della sensibilità: ago della bilancia nel riuscire a capire dove è il *vero confine. Non sa come comportarsi, o cosa pensare, se la stessa sera una donna gli cede le sue grazie. E’ indeciso se etichettarla come “una poco di buono” o come “donna sana e sicura”. Nonostante questo, è molto affamato.

 

La seduzione è tutt’altra cosa, è uno strumento/stile di vita che va usato per migliorare le nostre vite e soprattutto quelle degli altri (donne, in questo caso), è la capacità di adattarsi alle situazioni e gestirle al meglio (come un rapporto, che sia lungo o corto). Cerchiamo di essere onesti con noi stessi e di mettere a nudo i nostri istinti e le nostre idee. Perché racchiuderci nelle tre personalità elencate poco sopra? La nostra vita è troppo corta per gettarla via con inutili domande e falsità. Dobbiamo, una volta per tutte, PRIMA prendere coscienza sul chi siamo, e poi interrogarci su come potremmo essere o cosa accadrà.

 

La comicità che ho utilizzato nel descrivere le tre personalità aiuta a sdrammatizzare un po’, ma non per questo la questione non è importante, anzi, è di vitale importanza per non continuare a gettare via le vostre vite.

 

Riflettete.

 

(*vero confine: intendo la capacità nel leggere le situazioni/contesti, ci sono alcuni accenni in questo articolo. E’ qualcosa che si può acquisire soltato con l’esperienza sana con le donne, per farvela breve ci permette di capire quando è il momento del fiore e quando è il momento della palpata. Strumento di fondamentale importanza, in netto contrasto con le tre personalità di cui sopra. Senza questa sensibilità, difficilmente vi può essere divertimento e successo nella sfera femminile.)

 

Conoscici dal vivo.
Entra a far parte del nostro Gruppo Facebook con più di 500 membri!

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi